Grandi musei di Vienna
               
  Albertina Kunsthistorisches Museum Leopold Museum MAK mumok Naturhistorisches Museum Wien Technisches Museum Wien  
Leopold Museum
   

Museumsquartier Wien
Museumsplatz 1
1070 Vienna
tourismus@leopoldmuseum.org
www.leopoldmuseum.org

U2 Museumsquartier
U3 Volkstheater

Ogni giorno eccetto il martedì dalle 10 alle 18
Chiuso il martedì
Giovedì dalle 10 alle 21
Giugno, Iuglio, Agosto: aperto
ogni giorno!

Prezzi di ingresso
EUR 13,- Adulti
EUR 9,50 Anciani
Gratuito Bambini (fino a 7 anni)
EUR 8,- Ridotto

Gruppi
(a partire de 10 persone)
EUR 10,- Gruppi di adulti
EUR 2,50 Studenti in comitiva
EUR 5,- Studenti in comitiva
con 1 guida
EUR 6,50 Gruppi di studenti
universitari

Audioguida: ted., ingl., ital.,
franc.

Guidas: tutte le lingue

 
IL MUSEUO LEOPOLD
SCHIELE, KLIMT E STILE LIBERTY JUGENDSTIL

COLLEZIONARE PER L’ETERNITÀ
Difficilmente in un altro museo la passione del collezionismo si manifesta con tale chiarezza come nel Museo Leopold di Vienna. Il medico e collezionista Rudolf Leopold è riuscito in pochi decenni a raccogliere più di 5000 eccellenti opere d’arte. Capolavori di Gustav Klimt, la più grande collezione al mondo di Egon Schiele e opere principali di Oskar Kokoschka ci permettono di farci una idea completa sul mondo artistico del 20° secolo.

LA COLLEZIONE SCHIELE
La ricchezza di capolavori di Egon Schiele (1890-1918) nella collezione Leopold è strabiliante. „Cardinale e monaca“, „Sole al tramonto“, „Autoritratto con alchechengi“, „Città morta“, „Donna distesa“, „La città che sale“, lavori importanti di tutte le fasi creative dell’artista, sempre ed esclusivamente di altissima qualità.

IL MUSEO DEL LIBERTY
Oltre ai lavori dell’espressionista Schiele, il Museo Leopold si è fatto un nome anche come museo del Liberty viennese. Nessun altro museo dà una visione così completa delle capacità eccellenti del Liberty di questa città. Raffinati pezzi dell’artigianato artistico della Vienna di fine secolo si combinano in un insieme armonico con l’esposizione di quadri, grafica e sculture. Gli oggetti d’arte creati da Kolo Moser o Josef Hoffmann per la Wiener Werkstätte (laboratori artigiani viennesi) testimoniano l’eleganza, non soggetta a mode, dell’arte a Vienna intorno all’anno 1900.

L’ARTE MODERNA VIENNESE
Le prestazioni dell’Arte Moderna viennese hanno segnato nuovi criteri che riecheggiano ancora ai giorni d’oggi. Rivivere il mondo di Sigmund Freud e Ludwig Wittgenstein, l’atmosfera degli interni in cui viveva l’alta borghesia, la musica di Gustav Mahler e Arnold Schönberg. Gettare un’occhiata nel salotto della compagna di Klimt, Emilie Flöge e la tragica storia d’amore fra Richard Gerstl e Mathilde Schönberg.

IL CUBO BIANCO
Già nel 2001 è stato possibile presentare l’estroso progetto museale: il Museo Leopold. Quale elemento principale del “MuseumsQuartier“, uno spazio per la cultura ed il tempo libero realizzato all’interno delle antiche scuderie di corte, il gigantesco cubo bianco si erge con i suoi 24 metri di altezza nel cielo di Vienna. Gli architetti Ortner & Ortner, in collaborazione con Rudolf Leopold, sono riusciti a realizzare sulla piazza del museo un monolito di eleganza classica. Le ampie vetrate conferiscono luminosità all’intero edificio e lo trasformano in uno scrigno leggero e arioso di alta qualità. L’atrio, alto 19 metri e con tetto a vetro, è fra i più moderni e sensazionali interni museali. La vetrata panoramica al quarto piano offre una bellissima vista sul Palazzo Imperiale e sui tetti del centro di Vienna.

RUDOLF LEOPOLD - COLLEZIONISTA
Rudolf Leopold (1925-2010) fu il fondatore del Museo Leopold a Vienna.
La storia della fondazione del museo potrebbe essere il copione di un film scritto da un autore di Hollywood. Fin da studente Rudolf Leopold cominciò, negli anni 50, a collezionare opere d’arte. In pochi decenni riuscì con molta sensibilità e una buona dose di caparbietà a mettere insieme la più importante collezione privata di arte austriaca del 19° e 20° secolo. Nonché la più grande collezione al mondo di Egon Schiele. Già il primo quadro da lui acquistato era un capolavoro: „Eremiti“ di Egon Schiele, l’unica opera in cui Schiele si raffigurò insieme a Gustav Klimt, Rudolf Leopold la comprò a Londra nel 1953 da Arthur Stemmer. Per comprarla spese 30.000 Scellini. La cifra corrispondeva allora al prezzo di un maggiolino della Volkswagen, che era stata promessa a Leopold dalla madre come regalo di laurea. Rudolf Leopold rinunciò alla macchina e comprò Schiele. Questo rappresentò il primo momento saliente della sua attività di collezionista.

UN MUSEO DI IMPORTANZA MONDIALE
Oggi il Museo Leopold è uno dei maggiori musei d’arte in Europa e uno dei più importanti musei privati al mondo. La Collezione Leopold è una delle più complete raccolte d’Arte Moderna austriaca al mondo. Nel 1994 la collezione è stata trasformata con l’aiuto della Repubblica Austriaca e della Banca Nazionale in Fondazione Privata Museo Leopold. Rudolf Leopold ne è stato nominato direttore a vita.

MOLTI SERVIZI PER I VISITATORI
Ottima è l’infrastruttura di cui è dotato il museo. Un auditorio permette incontri con l’autore e presentazioni di filmati, l’atrio inferiore e superiore viene utilizzato molto volentieri per eventi di diverso genere. Il Cafe Leopold è un ritrovo molto apprezzato di giorno e un ottimo consiglio per chi ama la vita notturna. Un atelier luminoso e accogliente ospita fra le altre cose il LEO Kinder-atelier per bambini. Ogni domenica dalle 14 alle 17 per i bimbi dai 5 ai 12 anni sono stati studiati programmi speciali.
Lo shop del museo offre sorprendenti souvenir su Egon Schiele, Gustav Klimt e tanti altri ancora.
Visite guidate, concerti, incontri con l’autore ecc. fanno del Museo Leopold un vivace luogo di comunicazione.

 

Leopold Museum, Vienna
Leopold Museum, Vienna

Egon Schiele, Autoritratto (dettaglio), Wally (dettaglio), 1912
Egon Schiele, Autoritratto (dettaglio), Wally (dettaglio), 1912

“Vienna 1900”
“Vienna 1900”

Gustav Klimt, Morte e vita (dettaglio), 1910/15
Gustav Klimt, Morte e vita (dettaglio), 1910/15

Sala espositiva
Sala espositiva

Egon Schiele, Autoritratto, 1910
Egon Schiele, Autoritratto, 1910

Vetrata panoramica
Vetrata panoramica